Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni clicca su Privacy Policy nel menu che trovi in fondo alla pagina a destra. (Cookie e Privacy Policy)

Facebook un social network che funziona

Stampa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nell'ultimo numero del New Yorker è stato pubblicato un interessante articolo su Facebook.com , una applicazione in rete che ha trasformato il social networking rendendolo uno strumento relazionale concreto per persone normali e senza conoscenze tecniche particolari.

L'articolo, che non è disponibile online, descrive il successo di facebook e ne racconta la storia ed il profilo così come si sofferma sul profilo del suo fondatore Mark Zuckerberg.

Facebook's Mark Zuckerberg

Facebook's Mark Zuckerberg

Lanciato nel 2004 Facebook ha visto crescere costnatemente il numero di utenti: oggi sono quasi 8 milioni con una media di permanenza sul sito di circa 20 minuti ogni volta che vi si collegano. La maggior parte di questi utenti sono giovani che frequentano il college.

Il successo di Facebook rispetto ad applicazioni simili disponibili in rete dipende dall'essere percepito come maggiormente sicuro e tranquillo per persone giovani. Facebook permette infatti di mantenere l'anonimato e ogni utente può decidere se essere visibile o meno agli altri.

.....con l'eccezione della pubblicità online in quanto banner e pop-ups continuano a manifestarsi anche se in una modalità meno invadente che in altri siti. Questi banner e pubblicità si collegano comunque al profilo di ogni utente e possono pertanto essere percepiti come maggiormente utili.

Per saperne di più o leggere l'intero articolo del New Yorker ricorrete ad amici e conoscenti che leggono o sono abbonati a questa rivista o navigate la rete con la speranza di trovare online commenti o starlci dell'articolo in questione.

Carlo Mazzucchelli