Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni clicca su Privacy Policy nel menu che trovi in fondo alla pagina a destra. (Cookie e Privacy Policy)

 

 

Tecnologiche, sociali, relazionali e professionali

 

 

 

Link (Linked, The New Science of Networks )

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Link (Linked, The New Science of Networks )

Andreas-Lszlo Barabasi

L'opera di evangelizzazione di Paolo di Tarso, l'oscuro attacco via e-mail di un pirata informatico, il dilagare di un'epidemia virale, l'altalena dei mercati azionari, la repentina diffusione di un blackout elettrico su ampie porzioni di territorio, la rete terroristica di Al Qaeda e molte altre cose ancora sono governate da leggi comuni che derivano dalla teoria delle reti. Dietro l'architettura visibile fatta di vertici e spigoli, hub e link, si nascondono ben precise strutture matematiche, il cui studio inizia con Eulero nella prima metà del Settecento, si sviluppa con i metodi della topologia e riceve un impulso straordinario verso la metà del XX secolo con i risultati ottenuti da Paul Erdos e Alfréd Rényi.

Nella ricerca attuale le reti non sono più oggetti statici, ma possono trasformarsi, crescere, disgregarsi, evolversi: l'analisi della loro dinamica è un settore di ricerca in rapido sviluppo, le cui potenzialità di applicazione sono ben lungi dall'essere esaurite.

Con un linguaggio chiaro e accessibile, Albert-Laszló Barabasi, uno dei protagonisti di questa 'rivoluzione delle reti', ci guida attraverso i come e i perché della teoria, ricorrendo a una quantità di esempi illuminanti tratti dalle più varie discipline. (Come si spiega il numero incredibilmente modesto di contatti sociali che sono necessari per mettere in comunicazione tra loro due individui qualunque sul pianeta? Perché talvolta accade che al termine di un concerto gli spettatori sincronizzino involontariamente i loro applausi?)

La teoria delle reti, agli antipodi da qualunque tentazione di riduzionismo, costituisce un nuovo paradigma per indagare la multiforme varietà del mondo che ci circonda.

Una recensione di Chiara Rizzo

COS'HANNO in comune una cellula di un organismo vivente e la comunità delle star di Hollywood? E un’infezione virale, un blackout elettrico e Al-Qaeda? Per noi profani niente. Ma in realtà, ci spiega il ricercatore ungherese Albert-László Barabàsi, docente di Fisica teorica all’Università di Notre Dame, Indiana, e padre delle più recenti ricerche sulle reti complesse, nel suo interessante e complesso saggio Link. La scienza delle reti (Einaudi), accostando fra loro le modalità di comportamento di tutte queste entità e fenomeni si scoprono meccanismi che seguono un’impronta comune, “proprio come gli esseri umani condividono scheletri pressoché indistinguibili”.

“Una serie di recenti scoperte mozzafiato”, sostiene Barabàsi, “ci ha messi di fronte al fatto che alcune leggi naturali, di vasta portata e incredibilmente semplici, governano la struttura e l’evoluzione di tutte le reti complesse che ci circondano”. E di reti che ci circondano ce ne sono parecchie, considerando che per definizione una rete è “un insieme di nodi interconnessi che possiedono uno o più legami (link) che li mettono in contatto l’uno con l’altro”. Un concetto talmente semplice, nella sua astrattezza, da potersi applicare praticamente a qualsiasi aspetto della nostra vita.

È solo con Internet, e con l’affermazione del Web, che la nozione di rete è entrata a far parte dell’immaginario comune. Ma alla sua base si nascondono precise formule matematiche che affondano le proprie radici fin nella prima metà del Settecento, con la teoria dei grafi di Eulero, per poi svilupparsi nella scienza della topologia e conquistare definitivo impulso alla metà del Ventesimo secolo con gli studi di Paul Erdos e Alfred Renyi. A descrivercene l’evoluzione, attraverso un lungo susseguirsi di esempi illuminanti tratti dalla più svariate discipline, è proprio uno dei protagonisti di questa rivoluzione del network progressivamente distaccatesi dai modelli di rappresentazione basati su grafici a “generazione casuale” (secondo cui i collegamenti si distribuirebbero alla cieca, con il risultato che la stragrande maggioranza dei nodi finirebbe per avere un numero di link che non si discosta significativamente da una media statistica, tipica di quel network), - insufficienti - per passare a quelli “a invarianza di scala”, fondati sulle leggi di potenza, che considerano il complesso del World Wide Web identico a una piccola porzione di se stesso.

Nell'analisi di Barabasi tutte le teorie, anche quelle più banalizzate dall’ampia diffusione, vengono ricontestualizzate e spiegate punto per punto. Così, per esempio, anche la teoria dei sei gradi di separazione di Milgram assume un senso compiuto, tornando ad essere più un’intuizione qualitativa che una dimostrazione pratica incontrovertibile di una proprietà delle reti sociali, in cui i gradi di separazione tra gli individui sono molti meno di quelli che intuitivamente si potrebbe pensare (per inciso, secondo Barabàsi i gradi di separazione nel Web sono circa 19). Pochi gradi di separazione, precisa il professore ungherese, non vuol dire che tutti conoscono tutti, come si sarebbe facilmente portati a concludere. Il fatto che io mi trovi a pochi gradi di separazione da Brad Pitt, per intenderci, va considerato insieme al fatto che anche tutte le altre donne del mondo lo sono, e che quindi la probabilità che io lo incontri è esattamente minima quanto la probabilità di incontrarlo che ha chiunque altra. Stesso discorso per quanto riguarda il Web. A meno che il mio sito non sia un punto di snodo della Rete, è difficile che altri ci passino con facilità, il che un po’ sfata il mito del network come sede privilegiata di relazioni paritario/democratiche.

 

ALBERT-LÁSZLÓ BARABASI: insegna Fisica teorica all'Università di Notre Dame, Indiana, dove svolge ricerche sulle reti complesse. I suoi contributi scientifici originali hanno aperto nuove prospettive nella scienza delle reti, generando ricerche che sono state ospitate dalle piú prestigiose riviste scientifiche internazionali, da «Nature» a «Science», e riprese da numerosi media negli Stati Uniti. Nato e cresciuto in Transilvania, vive attualmente a South Bend, in Indiana.

 

I miei e-book

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto

Per contattarmi

Email

Linkedin

Facebook

 

Informazioni

Informazioni

Privacy policy

Coockie Policy

Copyrights

Ringraziamenti

 

 

SoloTablet

Nato come progetto editoriale nel 2010, SoloTablet è diventato un punto di riferimento online importante per quanti sono interessati alle nuove tecnologie ed a un loro utilizzo critico e consapevole. SoloTablet contribuisce da sempre alla conoscenza delle nuove tecnologie e all'innovazione con narrazioni, riflessioni e approfondimenti su soluzioni, ambiti di applicazione, stili di vita, euristiche, buone pratiche, referenze e casi di studio.


Retidivalore è un progetto di Carlo Mazzucchelli - Creato nel 2009 è oggi utilizzato prevalentemente come semplice contenitore di informazioni online.

Copyright Retidivalore 2009-2017 - All Rights Reserved.

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper