Messaggio
Consulenti alla sbarra PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesco Zanotti   
Martedì 18 Settembre 2007 20:03

Se non fosse tragico, sarebbe ridicolo! La grande idea per diminuire i costi della “macchina” (mica chiamata così per caso) statale è quella di eliminare le consulenze. Dalli al consulente, moderno (e povero anche lui), untorello, che impesta ed appesantisce questo nostro stato che altrimenti veleggerebbe verso “sorti magnifiche e progressive”!

Io credo che occorra ribellarsi con estrema energia a questa sciocchissima proposta. Lo faccio io con questa lettera aperta alla quale cercherò di dare la massima diffusione possibile: datemi tutti una mano ad ulteriori diffusioni.

Comincio indicando quali consulenti intendo non solo intendo difendere, ma anche promuovere.

Intendo schierarmi dalla parte dei consulenti di direzione. Cioè coloro che forniscono metodologie e servizi per progettare e realizzare cambiamenti nella organizzazione dello Stato in modo che questa risulti più efficiente ed efficace.

Proporrò un semplicissimo ragionamento e sfido chiunque a contestarlo. Le  metodologie e i servizi che propongono i consulenti di direzione sono frutto di investimenti in ricerca teorica ed esperienza sul campo. Alcune società di consulenza italiane hanno raggiunto risultati di assoluta eccellenza internazionale, molto più avanzati della consulenza di origine anglosassone.

Nessun manager che sia impegnato nella gestione di una organizzazione specifica ha la possibilità di sviluppare in proprio metodologie e strumenti paragonabili.

Allora l’ostracismo ai consulenti significa ostracismo alle possibilità di migliorare efficacia ed efficienza alla pubblica amministrazione. Infatti, significa costringere i managers della pubblica amministrazione italiana a fondarsi solo sulla loro esperienza che è, per forza di cose limitata. E, impedire loro l’utilizzo delle metodologie più avanzate di progettazione e cambiamento delle organizzazioni.

Sento crescere nell’aria una grande obiezione: ma i consulenti spesso non sono all’altezza della situazione e le consulenze sono solo una facciata per distribuire prebende. Ma per risolvere questo problema non si butta la consulenza: si buttano i consulenti inetti. Vorrei citare un caso in cui è facile dimostrare che i consulenti non sono all’altezza della situazione.

Consideriamo i vari progetti di privatizzazioni, fusioni etc che hanno coinvolto imprese di proprietà pubblica. Chi si è usato come “advisors”, cioè come consulenti? Le grandi banche d’affari internazionali. Bene esse sono il caso tipico di inadeguatezza. Infatti non hanno alcuna competenza e nessuno strumento per comprendere i processi di sviluppo strategico delle imprese da privatizzare, ristrutturare, eventualmente fondere.

Allora la conclusione è inevitabile: invece di esorcizzare i consulenti occorre valorizzarli. Ed occorre valorizzare i consulenti italiani. Perché la classe politica sceglie la via populista di eliminare coloro che potrebbero invece aiutare a migliorare efficacia ed efficienza della pubblica amministrazione e valorizzare le persone che ne fanno parte?

Io credo che una delle ragioni fondamentali sia che tutti noi consulenti che abbiamo investito e sperimentato nello studio dei processi di sviluppo dei sistemi umani siamo una continua accusa rispetto ad una classe politica che non ha nessuna voglia di confrontarsi con tutte le conoscenze che la aiuterebbero, ad esempio, a comprendere come si formano gli attori sociali e come evolvono. Così come si formano ed evolvono i partiti politici e via dicendo.

Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."