Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni clicca su Privacy Policy nel menu che trovi in fondo alla pagina a destra. (Cookie e Privacy Policy)

 

 

Tecnologiche, sociali, relazionali e professionali

 

 

 

India, Giappone e la crisi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Stanno proprio sulla stessa pagina del Sole di oggi 12 Luglio 2008. Anzi sono incastonati l’uno nell’altro ...

Il primo articolo: primi segnali di frenata per l’industria indiana. Il secondo: In Giappone fiducia in forte calo.

Dicono, per un verso, le stesse cose: sia in Giappone che in India calano i beni di consumo durevoli e i beni industriali e cresce l’inflazione. L’articolo sull’India poi preannuncia la “tradizionale” stretta creditizia per affrontare la crisi. Perché ora lo diciamo apertamente che di crisi si tratta.

Veramente tutto il mondo è paese.

Ma che fare?

La via che si sta scegliendo è quella dell’aggiustamento in attesa di tempi migliori. “Ha da passa a nuttata …” direbbe la saggezza napoletana.

Ecco credo che non possa funzionare. Lo dico linearmente e banalmente.

La radice del problema sta nel fatto che lo stile di vita e di consumi, il modello sociale e la visione del mondo che si sono affermati nella società industriale non vanno bene se questa società diventa mondiale.

E’ necessario uno sforzo sociale collettivo per progettare una nuova visione del rapporto tra l’uomo e il mondo. E una nuova società dove questa nuova visione possa concretizzarsi …

Nulla di più nulla di meno.

 

Non ho voglia davvero di dettagliare. Girovagando tra gli articoli di questo portale troverete tutti i dettagli possibili di questa tesi. Compreso il dettaglio estremo del numero delle vacche.

 

Non ho voglia di dettagliare, ma di proporre un esperimento, sì!

Prendete un giovane ed un anziano. E ditegli: preferite stare buoni (magari davanti a qualche bicchiere di troppo, a qualche pasticca di troppo, lasciandovi andare a qualche sfogo di violenza di troppo … ) ad aspettare che le politiche monetarie cerchino di proteggere il vostro disagio attuale. O ci mettiamo insieme a progettare un nuovo mondo dove far valere le vostre risorse emozionali e razionali?

 

Non ai posteri, ma a quel giovane e a quell’anziano una risposta che non è per nulla ardua. Ma evidente. E’ arduo fare la domanda. Ma dobbiamo farla.

I miei e-book

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto

Per contattarmi

Email

Linkedin

Facebook

 

Informazioni

Informazioni

Privacy policy

Coockie Policy

Copyrights

Ringraziamenti

 

 

SoloTablet

Nato come progetto editoriale nel 2010, SoloTablet è diventato un punto di riferimento online importante per quanti sono interessati alle nuove tecnologie ed a un loro utilizzo critico e consapevole. SoloTablet contribuisce da sempre alla conoscenza delle nuove tecnologie e all'innovazione con narrazioni, riflessioni e approfondimenti su soluzioni, ambiti di applicazione, stili di vita, euristiche, buone pratiche, referenze e casi di studio.


Retidivalore è un progetto di Carlo Mazzucchelli - Creato nel 2009 è oggi utilizzato prevalentemente come semplice contenitore di informazioni online.

Copyright Retidivalore 2009-2017 - All Rights Reserved.

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper