Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni clicca su Privacy Policy nel menu che trovi in fondo alla pagina a destra. (Cookie e Privacy Policy)

 

 

Tecnologiche, sociali, relazionali e professionali

 

 

 

Dalla creatività individuale alla creatività sociale

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come ogni giovedì, il Sole 24 Ore allega al quotidiano l’inserto “Nova”. In questo numero si parla diffusamente della creatività. Leggendo altrettanto diffusamente, si scopre che si intende sempre una creatività individuale, del designer, del giovane di talento che inventa il nuovo prodotto di consumo. Si arriva al massimo alla creatività nella ricerca tecnologica. Si citano anche tentativi di “teoria” della creatività, come la teoria delle tre “T” (Talento, Tolleranza, Tecnologia); il contributo di Bonomi, il sociologo dei territori, che appunto, aggiunge un’altra “T”, quella di Territorio e il contributo di Cristina Tagliabue che riflette sull’equazione: giovani uguale creatività.

Ma si rimane sempre e solo si rimane a livello individuale. Ecco, io credo che oggi sia necessario attivare un nuovo livello di creatività: la creatività sociale. Cosa intendo? Innanzitutto intendo che i “campi” dove è necessario immaginare cose nuove sono sostanzialmente sistemi sociali. Faccio degli esempi, giusto alcuni, inevitabilmente alla rinfusa perché praticamente ogni “pezzo” di società necessita di creatività sociale . E’ necessario immaginare un nuovo modo di fare banca che non sia imitazione del fare banca anglosassone che ha come riferimento l’individuo e l’impresa come monadi nella società. Un nuovo modo di fare banca che abbia come riferimento i territori e si proponga come attore attivo nello sviluppo dei nostri territori. E’ necessario immaginare non nuovi prodotti gadget, ma un nuovo senso del consumo e del benessere. E’ necessario immaginare nuove filiere alimentari, come è necessario immaginare un nuovo stato sociale, nuove istituzioni nazionali ed internazionali.

Per creatività sociale intendo non solo che essa ha come oggetto il sociale, ma anche che si compie socialmente. Noi che curiamo questo Portale di CSR, proporremo una serie di proposte di innovazione sociale, ma saranno solo provocazioni. Dopo di esse sarà necessario un contributo diffuso perché la innovazione sociale non può essere delegata allo sterile gioco delle parti tra intellettuali e politici. Tutti i contributi dovranno essere portati a sintesi e solo allora nascerà una proposta non solo realmente innovativa, ma anche socialmente significativa. Sarà questo un modo per praticare la nostra collettiva, di persone, imprese, istituzioni, responsabilità sociale.

I miei e-book

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto

Per contattarmi

Email

Linkedin

Facebook

 

Informazioni

Informazioni

Privacy policy

Coockie Policy

Copyrights

Ringraziamenti

 

 

SoloTablet

Nato come progetto editoriale nel 2010, SoloTablet è diventato un punto di riferimento online importante per quanti sono interessati alle nuove tecnologie ed a un loro utilizzo critico e consapevole. SoloTablet contribuisce da sempre alla conoscenza delle nuove tecnologie e all'innovazione con narrazioni, riflessioni e approfondimenti su soluzioni, ambiti di applicazione, stili di vita, euristiche, buone pratiche, referenze e casi di studio.


Retidivalore è un progetto di Carlo Mazzucchelli - Creato nel 2009 è oggi utilizzato prevalentemente come semplice contenitore di informazioni online.

Copyright Retidivalore 2009-2017 - All Rights Reserved.

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper