Messaggio
Individualità ed individualismo nel raffronto fra due culture PDF Stampa E-mail
Scritto da Sergio Sabetta   
Domenica 01 Febbraio 2009 20:38
 [ Integrazione dell'articolo tra "Oriente e Occidente" pubblicato sulla rivista on - line Altalex ] 

La crescita economica nell'est asiatico che ha coinvolto prepotentemente il continente Cina, pone il problema del confronto/raffronto fra due culture, due sistemi di pensiero maturati nei millenni i quali coinvolgono la visione che l'uomo ha di se stesso anche nel processo economico e quindi giuridico.

La prima e fondamentale questione è come si pone l'individuo nei confronti della collettività e la struttura gerarchica che ne deriva.

Vi sono due tipologie di poteri "potere di fare" e il "potere di decidere", il primo consiste nella suddivisione di procedure precise e rigide senza possibilità di variabili negli input - output, con attività standardizzate ripetitive efficaci nella produzione seriale di beni fisici, in cui il singolo ha una propria autonomia limitata e ben definita dalla sezione di procedura a lui assegnata, il secondo è sostanzialmente un potere di controllo costituito da una delega adeguata a gestire la variabilità nel settore assegnato e dal controllo sui subordinati addetti alle procedure a loro affidate.

Questa distinzione così rigida che presuppone una stretta gerarchia è di massima efficacia nella produzione di beni materiali, mentre viene a perdere efficacia nella produzione di servizi in cui si accresce la necessità dell'adattabilità decisionale del singolo alle variabili ambientali (Croci).

La gerarchia nel codificare la distribuzione del potere all'interno della comunità ne tutela  al contempo la sopravvivenza nell'insieme a scapito dell'individualità, gli sforzi vengono coordinati e concentrati sia nella produzione che nella lotta agli elementi naturali oltre che alle altre comunità umane.

La gerarchia sostenibile presuppone un rispetto per il riconoscimento del ruolo e quindi la necessità per i vertici di restituire la delega di potere in termini di cura dei bisogni della base, interviene il principio di inclusione/esclusione nella comunità come premio/punizione al fine di motivare gli invidui, i quali collaborano per il solo fatto di restare inclusi nella comunità, infatti il premio è l'inclusione nella comunità stessa. La comunità come collettività è quindi posta al centro del tessuto sociale e non semplicemente una comunità composta dalla somma dei singoli individui.

Se l' esecuzione passiva delle procedure è alla base del sistema gerarchico cinese, l'individuo deve comunque essere convinto del suo agire pertanto la punizione in caso di violazione degli obblighi deve possedere una valenza rieducativa.

Nel suo agire quotidiano il singolo accumula un "patrimonio di rispettabilità" quale prodotto dei risultati ottenuti e dei suoi rapporti sociali, si crea quindi l'armonia sociale confuciana tramite il rispetto del potere gerarchico questo tuttavia non comporta una cieca obbedienza essendo la verità pragmaticamente adattabile alle situazioni quotidiane.

L'aggressività umana è controllata dalla gerarchia di rango che poggia sul riconoscimento dei meriti, questo tuttavia compromette in parte l'iniziativa del singolo il quale è naturalmente portato a scaricare la responsabilità lungo la scala gerarchica fino al giusto livello.

Ma qualsiasi sistema ha bisogno di un correttivo che nella cultura cinese è la rete di relazioni utili o guanxi, la quale consiste nell'obbligo di reciprocità senza limiti di spazio e di tempo fondata sul concetto di utilità e non necessariamente di amicizia. Questa permette di superare le eventuali disfunzioni che il sistema gerarchico presenti, ma perchè funzioni l'obbligo di reciprocità deve essere certo pena l'esclusione dalla rete, i due sistemi non sono in contraddizione ma vengono ad integrarsi ( Croci ).

L' etica si risolve in una semplificazione organizzativa per una prevedibilità comportamentale, lo sviluppo economico è quindi slegato da una premessa democratica anche se si risolverà nel tempo in una democratizzazione più consona alla necessità di movimenti di merci e capitali con i minori controlli possibili (Gavazzi, Tabelloni ).

Toulmin sostiene che la funzione dell'etica è quella di armonizzare gli interessi dell'insieme, ossia le azioni della gente, si che il concetto di dovere è ineliminabile dalla meccanica sociale infatti attraverso il riconoscimento dei doveri comuni si ha la formazione di un'unica comunità, questo tuttavia non esclude l'evoluzione del codice morale in sintonia con i mutamenti della società in modo che le stesse regole possano apparire o eccessivamente rigide o pericolosamente molli.

Sebbene i giudizi etici acquistano per tale via una certa flessibilità di loro permane tuttavia il carattere imperativo (Hare), il quale peraltro può assumere un aspetto individuale ossia soggettivo, affrancandosi dalla preminenza della collettività, anche se si formano solo in rapporto ad essa.

Spinoza su tale via afferma con decisione il diritto del singolo di perseguire la sua "utilitas", di piegare le leggi naturali ai suoi scopi senza andare contro di essa ma utilizzandole.

Riconoscendo nell'uomo una anima desiderante ( cupiditas) si pone l'individuo al centro della ricerca non come immagine divina, ma come essere posto nella natura e manipolatore di essa, vi è quindi uno sviluppo del "libero arbitrio" di San Tommaso in cui l'uomo determina se stesso ad agire sebbene la prima causa resta comunque Dio, senza che questo tolga nulla alla autocausalità dell'uomo stesso.

Tipica dell'uomo è la mobilità con un passaggio da uno stato all'altro dei desideri e delle conoscenze, sia verso l'alto che verso il basso, con una sua necessaria auto-espansione comunque consapevole delle condizioni esistenti anche di tipo politico.

Se vi è la necessità di cambiare le proprie condizioni per rendere la vita più sicura, tuttavia l'intervento sul mondo dipende dalla capacità di utilizzare le situazioni per creare lo spazio di movimento necessario alle modifiche, è pertanto l'organizzazione che viene ad influire sull'etica secondo un concetto di etica organizzativa in cui l'interpretazione del mondo non è in contrasto con il cambiamento del mondo, da qui nasce anche l'esigenza di modificare il mondo per modificare le coscienze ( Marx ).

Spinoza   si  avvicina all'etica cinese della persuasione quando, negando la riduzione della politica al solo timore per costringere all'obbedienza delle leggi ( Hobbes ), recupera la collettività e la necessità di una convinzione all'azione collettiva al fine di una possibile crescita reciproca.

Vi è quindi una impossibilità di giustificare in assoluto i giudizi etici ( Ross ) se non sulla base di principi sui quali ci sia accordo ( Scarpelli ), questo porta nell'occidente ad affermare che l'uomo non è niente all'inizio, ma sarà in seguito per quello che si sarà fatto, quindi è il singolo che si fa, che si definisce nel mondo ( esistenzialismo ).

Su ogni uomo ricade la responsabilità totale della sua esistenza non in termini puramente individuali, ma anche verso gli altri individui, il nostro punto di partenza è la soggettività dell'individuo, ma è solo tramite l'altro che si definisce, si scopre così l'intersoggettività ossia l'universalità umana di "condizione", ossia i limiti a priori che definiscono la situazione dell'individuo nell'universo questa tuttavia non è data ma è in un perpetuo costituirsi (Sartre). La libertà diventa pertanto il fondamento di ogni valore, ma questa nostra libertà è il frutto di un interscambio di libertà ed è vista anche come una "possibilità" ( Abbagnano), o libertà condizionata quindi relativa (Gurvitch ), comunque mentre da un lato la libertà risiede nella sicurezza dell'inclusione dall' altra è il risultato dell'interscambio di una ricerca individuale di cui si discute solo dell'ampiezza.

Vi è quindi un ben definito diritto naturale del singolo alla libera ricerca della propria "utilitas" nel rapporto con la comunità a cui non devono essere trasferiti in modo assoluto e inappellabile  i propri diritti, attraverso un confronto/raffronto il bilanciamento degli interessi e delle volontà singole si forgeranno nello stato democratico. Le conseguenze di questo porsi dell'individuo nei confronti della collettività che affonda le sue radici già nel mondo antico in particolare con gli stoici, viene ripreso dal giusnaturalismo di Grozio e Rosseau che sebbene criticato nella sua distinzione tra diritto giusto e diritto ingiusto, fino a parlare della giustizia solo come di un "valore interno" al diritto e pertanto frutto di una scelta "arbitraria" (Kelsen, Ross), non può negare lo spirito individuale della ricerca e la libertà che ne consegue di cui circolarmente ne è anche fondamento.

Si è sostenuto che  il pluralismo contiene dei sottosistemi sociali che cercano di per sè di realizzare un controllo totalitario sui propri membri, tale che vi è comunque una convivenza fra strutture sociali le quali  aspirano sempre al totalitarismo ( Alberoni).

Senza condurre ad una estremizzazione della socializzazione, vi è comunque un'agire sull'individualità che si risolve in graduazioni di costrizione, quale necessità del sociale, intervengono pertanto forme di educazione precoci e individuazione di modelli portanti in termini mediatici ed emulativi, ma anche la suddivisione dell'uomo nella specializzazione operativa se da una parte è economicamente utile dall'altra parcellizza l'essere umano facilitandone il suo controllo, impedendo ad esso la visione dell'insieme.

La necessità produttiva se da una parte aumenta le possibilità dell'uomo, dall'altra ne riduce l'individualità aumentando per contrasto l'individualismo, utile e controllabile in termini economici, il controllo senza negare l'individualità ne riduce tuttavia parzialmente l'ampiezza secondo un modello differente dalla comunità confuciana.

Bibliografia

  • A. Merli, Quei leader senza democrazia, Il Sole 24 Ore, 28/5/08 ( Festival dell' Economia );
  • F. Alberoni, Statu nascenti, Il Mulino 1968;
  • M. Croci, L'importanza della gerarchia in Cina, "E. & M." S.D.A. Bocconi, 43-52, 4/08;
  • R. Bodei, La filosofia di Spinoza: l'importanza delle passioni, Emsf.rai.it/interviste;
  • G. Carcaterra, Principi di giustizia e fondamenti del diritto, a.a. 2004/2005, I-LEX. it/quaderni/4, 4/2/06;
  • A. Abbagnano, Storia della filosofia, UTET, 1974;
  • H. Marcuse, L'uomo a una dimensione, Einaudi, 1963.
Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."