Messaggio
Segnaliamo il libro sulla complessità del Prof. Massimo Paoli PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Mazzucchelli   

Management della complessità, complessità del management.


Edito da FrancoAngeli è da poco in libreria l'ultimo libro del professor Massino Paoli, docente universitario, dal 1994 ordinario di Economia e Gestione delle imprese e di Economia e management dell'innovazione presso la facoltà di Economia dell'Università di Perugia.

Per acquistare il lbro.

Scheda del libro dell'editore FrancoAngeli

ll libro si divide in tre parti. Ciascuna di queste è dedicata ad una fonte rilevante di complessità che il management dell'innovazione dei sistemi multi-tecnologici, (prodotti o processi che siano) si trova a dover interfacciare.
La prima fonte di complessità (prima parte del lavoro) risiede nella natura stessa della conoscenza, ormai l'input fondamentale delle imprese innovative contemporanee. Lontana dal poter essere considerata verità oggettiva e universale, aggregato di informazioni impresse nei linguaggi utilizzati, la conoscenza sembra semmai un sistema di significati-interpretazioni radicate nella dipendenza dall'agente-osservatore, nell'arbitrarietà, incomunicabilità e mancanza di fondamenti. Una natura che trasforma il sistema dei saperi in un input caotico che deve essere sempre legittimato, perché non si legittima da sé. Un input che incrementa esponenzialmente la caratteristica politica del confronto sociale e dei percorsi decisionali, anche nella più "tecnica" delle situazioni.
La seconda fonte di complessità per il management (la seconda parte del lavoro) emerge dalla natura dell' impresa-organizzazione innovativa, soprattutto in conseguenza dell'idea di conoscenza introdotta. Le imprese sono sistemi sociali con molti protagonisti, non tutti ben evidenti. E se le persone ne rimangono al centro, anche i contesti che le incapsulano diventano fondamentali (non solo regole, ma stili, culture, paradigmi, punti di partenza, percorsi storici e persino accidenti del caso).
I sistemi sociali sono aggregati di contesti e di persone che emergono proprio dalla interazione continua di questi loro costituenti.
La terza fonte di complessità per il management (la terza parte del lavoro) emerge dalla natura della dinamica del cambiamento, sempre più dipendente dalla natura multi-tecnologica dei prodotti e dei processi produttivi. Dopo anni di ideologismi core-lean-flat, l'autore propone una diversa visione dell'impresa innovativa: (1) prima di tutto e sempre come un system integrator, cioè un integratore sistematico di molte tecnologie e molti saperi, (2) in quanto tale come una redundant organization, soprattutto in termini cognitivi. Un assetto in cui ritorna ad essere importante essere grandi.

Indice

Riccardo Varaldo, Prefazione
Introduzione
  • La complessità emergente dalla natura della conoscenza necessaria (in collaborazione con Angelo Caruso)
  • Il modello epistemologico classico: la conoscenza senza soggetto conoscente;
  • dalla conoscenza oggettiva alla conoscenza personale;
  • La conoscenza come costruzione)
  • La complessità emergente dalla natura delle imprese-organizzazioni
  • L'impresa come sistema sociale: insieme organizzato di agenti;
  • Dall'organizzazione all'organizzAZIONE)
  • La complessità emergente dalle dinamiche delle tecnologie
  • Le dinamiche delle tecnologie;
  • Il modello del cambiamento del sistema)
  • Conclusioni
  • Bibliografia.
Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."